Cultura & Diritti

Cagliari Capitale della Cultura

 

Nessuno deve essere lasciato indietro – conoscere è potere

Cagliari Capitale europea della cultura non ha avuto successo perché non si è interpretata l’anima profonda della città. Non c’è un progetto culturale, e la lingua è stata volutamente dimenticata. Il Teatro Lirico potrebbe chiudere. Sullo sport e sulla pubblica istruzione non c’è stato alcun intervento strategico.

  1. ­Far vivere il paradigma cultura = bene comune
  2. Un progetto culturale su Cagliari Capitale sarda e città del Mediterraneo
  3. Nuova gestione dei finanziamenti per la cultura.
  4. Rilancio del Teatro Lirico in discontinuità con le precedenti gestioni  coniugando efficacia ed efficienza tra conti ed estro artistico
  5. Riflessione strategica sugli spazi per le attività culturali e museali
  6. Piano per l’internazionalizzazione, e per un rapporto più stretto con la Sardegna e la capitale

Occorre un rinnovato impegno finanziario e politico nel settore dello sport:

  1. Strutturare un momento partecipativo delle associazioni dilettantistiche alla definizione delle scelte strategiche nel settore sportivo.
  2. Nuove modalità di gestione degli impianti
  3. Uno nuovo stadio per Cagliari Capitale della Sardegna

  1. Raddoppio degli asili nido comunali in cinque anni­ e discussione strategica con la Regione e con lo Stato per imporre nuovi principi
  2. Raddoppio delle attività per le scuole dell’infanzia­
  3. Programma strategico sull’istruzione pubblica in città­
  4. Raddoppio e ripensamento degli interventi contro la dispersione scolastica­
  5. Lingua sarda quale infrastruttura primaria per Cagliari Città Capitale: piano strategico per la lingua

I servizi sociali del 2015 sono uguali a quelli del 2011, concepiti dalla destra cittadina come strumento di sottogoverno e carità pubblica, senza alcuna attenzione per il cambiamento del disagio e dei bisogni sociali

  1. ­ Politiche sociali di comunità
  2. ­ Riorganizzazione complessiva della macchina comunale del settore
  3. ­ Nuovi rapporti con le altre istituzioni attive nel settore
  4. ­ Stati generali del volontariato in città entro un anno
  5. ­ Spazi sociali, invecchiamento attivo: un nuovo corso
  6. ­ Nuovo sistema di controllo sulle strutture sovvenzionate dal Comune
  7. ­ Rivisitazione profonda sulle politiche di coinvolgimento degli immigrati

PUBBLICA I TUOI COMMENTI

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Maggiori Dettagli

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostate su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi